De rerum librarum

Ieri la cuggy grande tentava di persuadermi a non comprare più libri o, almeno, a comprarne un pò meno perchè "non si possono comprare case per tenerci i libri. Una va anche bene, ma poi basta".
Oggi sono passata dalla Feltrinelli per acquistare il testo per un concorso al Ministero della Difesa (o alla CIA, così Aran  è contenta) e ne sono uscita con quello e altri due libri:

1. Il risveglio dell’assassino, di Robin Hobb
2. Correndo con le forbici in mano, di Augusten Burroughs.

Il libro della Hobb, uscito da poco, è il primo della Trilogia dell’uomo ambrato, seguito della Trilogia dei Lungavista che, scoperta per caso, mi ha subito appassionato (ma poi, quale libro fantasy non mi appassiona?). Non potevo esimermi dal comprare questo volume e immergermi nuovamente nelle avventure di FitzChevalier e del suo lupo, anche se non è in edizione economica e non so assolutamente di cosa parli.
L’autrice vale assolutamente il rischio. Anzi, consiglio vivamente la Trilogia dei Lungavista, edita in edizione economica dalla Fanucci.

Di Correndo con le forbici in mano ne ho parlato qui. O meglio, nel post ho parlato del film tratto dal libro. Ora speriamo che l’originale sia davvero meglio di quanto non sia la versione cartacea, ma ho un presentimento positivo, complice anche il commento di dr.Eve.

Prima di immergermi in questi due nuovi acquisti, però, ho almeno tre libri (anzi quattro) che attendono di essere terminati. Oltre ad AFFC di Martin, che essendo in inglese leggo con molta, moltissima lentezza, e a Nana di Zola, che essendo un romanzo di Zola già si legge con fatica in italiano, figuriamoci nella versione orginale francese…, ci sono anche Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa e l’ultimo entrato in casa, per gentile prestito della cuggy grande, L’ultima legione di Valerio Massimo Manfredi. Vista la velocità di lettura suppongo che sarà proprio quest’ultimo ad essere finito per primo.
In realtà ci sarebbe anche Il calligrafo, un altro prestito della cuggy grande, ma dovrei mettermici con calma e dedicargli qualche ora al giorno, perchè letto a pezzettini non riesce a prendermi.

E tutto in attesa dell’acquisto di un condominino e della creazione di un intero piano-biblioteca….ah, tra circa centoquaranta libri avrò raggiunto quota cinquecento (senza contare i manga, ovviamente). Chiunque volesse contribuire è decisamente ben accetto.

Annunci

5 pensieri su “De rerum librarum

  1. La Hobb fa libri fantasy *_*
    Trovi i suoi libri sulla mia libreria Anobii.

    Comunque oggi mi sono comprata un latro libro, tanto per non perdere l’abitudine. In una bancarella di libri usati ho comprato Ragione e Sentimento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...