Mom, Doubt.

Diventare mamma è qualcosa che desidero da sempre, qualcosa a cui ho pensato spesso negli ultimi dieci anni e che, ovviamente, non ho mai messo in pratica. Finire il liceo, andare all’università, trovare un lavoro e la persona giusta, sposarmi, mettere su casa.
Adesso ho finito di studiare, la casa (in affitto) ce l’ho, la persona giusta anche, l’età pure (ho sempre desiderato essere una mamma giovane, diventarlo prima dei 30) e l’idea, la voglia, si fa sempre più consistente. Tanto da pensarci praticamente ogni giorno, ogni notte, e più ci penso, più potrebbe diventare reale e più vengo assalita da dubbi e paure.
Innanzitutto non sono sposata e, probabilmente, non lo sarò mai, ma anche se il mio lato credente e tradizionalista ci soffre, probabilmente me ne posso fare una ragione. In fondo qui in Francia esistono i PACS e sembrano funzionare bene…
La grande causa di panico è, però, l’assenza di lavoro a tempo indeterminato. Da brava femminista e donna moderna l’idea di non avere un lavoro che mi renda indipendente e la probabilità che, una volta avuto uno o più figli, trovare un bel lavoro “comunicativo” e brillante sia praticamente impossibile mi impedisce di dormire. Cerco di convincermi che non è così grave, che qualcosa troverò sempre, che in fondo che importa? Non è mica detto che senza figli, invece, il lavoro lo trovi, quindi tanto vale….
Però poi ho paura delle persone che hanno creduto in me per tanti anni, che hanno finanziato i miei studi e i miei soggiorni in giro per l’Europa, mi dico che i miei genitori si aspettano di vedermi lanciata in una folgorante carriera e non mamma a tempo pieno e che una scelta del genere li deluderebbe. Razionalmente so che non è vero, che sarebbe contentissimi, magari non immediatamente, ma non appena assimilata la notizia, però insomma è un casino.
E’ un grande, grandissimo casino, perchè da un lato voglio disperatamente un piccolo Michael dagli occhioni blu, ma dall’altro vorrei tanto essere sicura di trovarlo un lavoro. O avere qualcuno che mi dica, con sicurezza (e anche mentendo spudoratamente) “vai tranquilla che tanto poi lo trovi comunque un lavoro e anche super figo”. Oppure trovarlo subito, immediatamente, ‘sto stupido lavoro, così da eliminare ogni scusa possibile e immaginabile.

Intanto mi lascio ancora qualche mese per pensarci su, ma non troppi, che massimo inizio 2012 il miniMichael lo voglio e lo esigo. E maschio, magari, che il nome è già deciso….

Annunci

2 pensieri su “Mom, Doubt.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...