Vicini, vicini, vicini…di casa

Ora non so voi, ma a me piace conoscere i miei vicini e, magari, intrattenere con loro delle buone relazioni. E’ che sono una bimba ingenua e mia nonna mi ha sempre dimostrato che il buon vicinato è possibile. Mia nonna materna, eh, perché a quella paterna risulta più difficile.
Comunque, finché abitavamo nella ridente banlieue parigina era stato possibile solo a metà: con il vecchietto – o coetaneo dei miei, non è mai stato chiarito – della porta accanto tutto bene, addirittura una volta ha ritirato un pacco per noi e, un’altra volta, ci ha prestato la scala per salire sul tetto. Con la famiglia di fronte, invece, impossibile stabilire relazione alcuna, ogni volta che ci vedevano, scappavano. Giuro. Scappavano. Nemmeno fossimo degli appestati.
Venendo a Lyon, ovviamente le aspettative erano particolarmente alte. Un pò perché essendo un complesso delle ferrovie, la maggior parte degli abitanti sono ferrovieri o vedove dei ferrovieri, che qui in Francia pare muoiano il giorno dopo l’inizio della pensione, quindi già partiamo con uno stile di vita in comune e non è poco; un pò perché essendo degli HLM il restante degli abitanti è gente del popolo e quindi sicuramente solidale (sì, nella mia testa).
Per incontrare i nostri vicini, dunque, ci si presentavano due opzioni:
1. andarli a trovare uno per uno, magari con un piatto di lasagne casalingo
2. organizzare una bella “festa” in casa nostra.
Abbiamo scelto la seconda e sabato scorso li abbiamo invitati tutti da noi. Tutti. Due palazzi da dieci appartamenti l’uno, per un totale di diciotto famiglie (escludendo noi e il 97enne nostro vicino di pianerottolo che ora vive con la figlia). Abbiamo affisso l’invito una settimana prima per dare tempo a tutti di organizzarsi.
Ve lo dico quanta gente è venuta o volete prima tentare di indovinarlo? Ve lo dico va’. In totale c’erano TRE persone TRE. Avrebbero potuto essere addirittura sei, ma il ferroviere del palazzo accanto è finito all’ospedale la mattina stessa e la moglie è passata a ringraziarci dell’invito con un bel mazzo di fiori e le petit Laurent non è potuto venire perchè lavora il sabato sera, ma ci ha invitato per un caffè un’altra volta. E la famiglia del pian terreno si è scusata, ma con i bambini che fanno casino non era certo il caso….
Quindi, alla fine, chi è venuto?
Madame F., la simpatica vecchina del secondo piano che appena arrivata ci ha detto: “Sono moglie di un ferroviere e per me la puntualità é tutto. Avevate detto alle 18h30 quindi sono partita alle 18h25. Non pensavo di metterci così tanto.” La signora e il suo bastone, infatti, sono arrivati alle 18h37 e si sono intrattenuti fino alle 22h.
La vedova del primo piano e la sua giovane figlia, il figlio invece ha preferito non venire perché ancora non ci conosce…Parlando della giovane figlia, io ho sempre pensato di dimostrare meno dei miei anni, ma ora so che non è vero. C’è gente che pare DAVVERO molto più giovane. Ero sicura che la Mademoiselle avesse 30-35 anni massimo e invece no! Pare ne abbia più di 40 e ora mi viene il sospetto che l’uomo che ho visto in casa sua, che pensavo fosse il padre, ma che il padre non è essendo morto anni fa, sia il fratello. Dovrò indagare.
Tutto sommato ci è anche andata bene, poteva anche capitare che non si presentasse nessuno e la mia focaccia fosse inutile. Invece è piaciuta ed è stata sgranocchiata tra un pettegolezzo e l’altro.

Annunci

2 pensieri su “Vicini, vicini, vicini…di casa

  1. Ah ecco dove eri finita, mi ero persa il blog!!! Come va in quel di Lione, mi pare a gonfie vele!!! 😉 Guarda, sarei passata io per la focaccia e due chiacchiere, invece….. Leggendo qua e la, forse dovrei controllare i miei livelli di vitaminia D…o forse meglio di no…. Ciao ciao

  2. Ciao Helga, che bello leggerti 🙂
    Qui tutto benissimo, siamo davvero contenti di esserci lasciati la banlieue parigina alle spalle e adoriamo Lione!!!! Peccato per i vicini poco socievoli, ma ci stiamo lavorando.
    Non controllare la vitamina D che è meglio 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...