Lista maternità

Non so in Italia, ma in Francia ci si deve iscrivere alla maternità praticamente non appena fatto il test di gravidanza altrimenti si rischia di non trovare posto (anche se poi sono ben obbligati ad accettarti il giorno del parto, non è che ti mollano così, in mezzo a una strada…forse…).
Alla Croix Rousse, dove mi sono iscritta io, bisognava fare la pre-inscrizione entro la nona settimana d’amenorrea (anche in Italia si calcola in settimane di amenorrea e non di gravidanza? Non l’ho mai capito.) e io ci sono riuscita per un pelo, avendo fatto il test all’ottava settimana. Sono sicura che, alla peggio, avrei trovato un’altra clinica o un’altra maternità, ma sarebbe stato un pò da scemi perchè quella della Croix Rousse è a nemmeno 15 minuti a piedi da casa ed ha un’ottima reputazione.
Comunque, una volta fatta la pre-iscrizione ti danno un appuntamento per confermarla al quinto mese, a meno che tu non voglia farti sempre seguire dall’ospedale e in quel caso ti fanno passare anche le visite precedenti lì.
Quando siamo andati per confermare ci è stato dato un foglietto di spiegazione della peridurale, un altro sul dono del cordone ombelicale (che detto en passant io non posso donare non avendo più la tiroide), qualche spiegazione sull’igiene di vita durante la gravidanza e la lista delle cose da portare alla maternità durante il parto, per il soggiorno della mamma e per quello del pupo.
La lista divide le cose per il parto e per il post parto perchè, così pare, non ci sia abbastanza spazio per lasciare tutte le valigie e quindi è meglio avere solamente le cose indispensabili:

  • una maglietta comoda o una vestaglia, che il travaglio è lungo e magari preferisci avere qualcosa di pratico piuttosto che la casacca dell’ospedale
  • un cuscino, tipo quello da allattamento, che ti aiuti a prendere delle posizioni comode. Ovviamente se non te lo porti di cuscini ne hanno loro
  • da bere e da mangiare per il papà, perchè se te non puoi né bere né mangiare lui invece può, anche se spero che non lo faccia sulla mia faccia perché altrimenti rischiamo il divorzio o che lo morda
  • uno spruzzino, la mia sage femme consiglia due essendo in estate, anche se finirà che invece che spruzzarmi l’acqua in faccia lo svito e me lo bevo
  • musica e libri per passare il tempo. Pare che soprattutto con la peridurale uno abbia anche momenti in cui non ha tanto male e quindi qualcosa bisognerà pur fare.

Seguendo questi consigli ne ho approfittato per comprarmi due nuovi libri, che la data si avvicina e voglio avere tutto pronto. Ora, siccome non sapevo cosa avrebbe potuto farmi piacere leggere durante il travaglio ho optato per due titoli assolutamente diversi: I Buddenbrock di Thomas Mann, che sono almeno 10 anni che volevo leggerlo, e Cacciatori di Vampiri di Colleen Gleason, metti mai che abbia voglia di qualcosa di molto più leggero e meno impegnativo.
Siccome quando leggo un libro mi faccio prendere un pochino, nel senso che se qualcuno mi disturba rischia la morte, e non so nemmeno più dove sono, la scena che ci siamo immaginate con mia madre e mia cugina è questa:

Io in sala travaglio che leggo, leggo, leggo e non mi accorgo più di niente. Arriva l’ostetrica.
Ostetrica: Signora, è il momento di spingere.
Io: Sgrunt! Cosa? Aspetti un attimo che devo finire il capitolo.
Ostetrica: Ma è il momento.
Io: Almeno la pagina, non posso lasciare la pagina a metà!!!

 

Annunci

2 pensieri su “Lista maternità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...