Di progressi e ansie mammesche

Venerdì siamo andati dal pediatra per la visita dei tre mesi. Tutto bene: Blop è sano come un pesce, un bel bambino sorridente e attivo che ha stupito il dottore per come tiene bene sollevati la testa e il torso e per come, poi, da quella posizione sia riuscito a girarsi sulla schiena.
L’unico neo, se così si può dire, è che in un mese ha preso solamente 500gr e perciò, visto che alla nascita era un bel cicciottino, il pediatra ci ha consigliato (ma non obbligato) di aggiungere un biberon di latte artificiale la sera. Noi non abbiamo ancora deciso se darglielo o no perché ci sembra in ottima forma e quindi vuol dire che mangiare mangia, magari è solamente la sua costituzione o magari è perch è un bambino particolarmente attivo e non sta mai fermo un attimo. Tutto ciò, però, ha creato una certa ansia nella neomamma che sono e ora mi chiedo costantemente se mangia abbastanza o se, invece, non sia troppo magro e lo stia affamando. Ok, ora esagero un pochino, ma l’ansia un pò ce l’ho per davvero. Magari la settimana prossima lo porto a fare una pesatina al consultorio tanto per rassicurami un pò.

Passando ad argomenti più gioiosi, parliamo un pò dei progressi rapidissimi che sta facendo in questi giorni. Dicono che i 3 mesi siano il periodo del buonumore e in effetti Blop passe le sue giornate a fare tanti bei sorrisini a tutti quelli che incontra e, da una settimana a questa parte, a farsi delle grasse risate quando suo padre gioca ad imitare un leone.
E’ diventato un chiacchierone e, se nessuno lo considera, si offende tantissimo e si mette a piangere. Ieri era a tavola con noi, seduto sulle ginocchia del padre, e prima ha attirato l’attenzione dei nonni sbattendo il pugno sul tavolo e poi ha tenuto un discorso lunghissimo, agitando la manina destra stretta a pugno e variando la tonalità dei vari versetti.
Stamattina, invece, ha definitivamente imparato a girarsi sulla schiena quando è posato a pancia in giù e ha cominciato a tentare di rotolare a destra e a sinistra, ovviamente mentre lo cambiavo sul tavolo della sala da pranzo dei miei suoceri, meno male che lo stavo tenendo! Sta finalmente diventando un neonato normale che si addormenta in macchina o quando lo portiamo in giro col passeggino, almeno abbiamo risolto il problema del sonnellino pomeridiano: visto che in casa non dorme mai, lo porto fuori, lui dorme e io mi distraggo un pò.
Pare cominci ad interessarsi a quello che mangiamo (oppure vuole solamente rompere le scatole), stasera ha infilato le dita nel mio yogurt, mentre stamattina aveva tentato di prendere la tazza piena di latte del papà.  Immagino sia semplicemente perchè si interessa a tutto quello che gli sta intorno, ma temo diventerà complicato mangiare con lui in braccio. Per fortuna riesce a stare sempre più spesso seduto calmo nella sdraietta.
Infine, sospettiamo che i denti comincino a prepararsi perchè sbava come una lumaca, fa un sacco di bolle che manco mangiasse latte e saponette e struscia le ditina contro le gengive.

Insomma, ogni giorno è un’avventura e una nuova scoperta, nonostante a volte sia peggio di una cozza e vorrei scaraventarlo dalla finestra. Ovviamente sto scherzando, prima che qualcuno chiami il Telefono Azzurro…

Annunci

9 pensieri su “Di progressi e ansie mammesche

  1. E’ davvero bravissimo! La mia a cinque mesi non ne vuole sapere di girarsi da un lato ma, in compenso, quando la alzo per metterla seduta punta i piedi e le gambe e finisce in piedi. Mangiare con lei in braccio è sempre più complicato, quindi preparati! Se non sto attenta mi tira la tovaglia e sparecchia tutto mentre mangiamo!
    Anche lei ha iniziato a sbavare, sbollicinare e strusciarsi le dita contro le gengive attorno al terzo mese ma i dentini ancora non ci sono, quindi penso che inizino presto a sentire un po’ di fastidio alle gengive.

    • Anche il mio non ne vuole sapere di girarsi.. ora ne ha fatti 4 e la sua super coetanea (giusto per tornare alla storia dei paragoni) si mangia già i piedi, oltre a girarsi! E lui niente.
      In compenso però sta sperimentando gli acuti e sopratutto verso le 11 ti trapana le orecchie con gli ultrasuoni!

  2. Io paragoni cerco di non farne anche perché ogni scarrafone è bello a mamma sua e per me lui è er meglio 🙂
    A parte gli scherzi, ha smesso di girarsi e ora si è appassionato ai piedi, tenta di raggiungerli ma ancora non ce la fa, si ferma al ginocchio. Pero’ quando non strilla è un chiacchierone.
    Ma anche i vostri piangono da farsi venire i lacrimoni?

  3. Prima che non capivo cosa voleva più spesso, ora quasi mai, solo se si fa male (tipo l’altro giorno che ha sbattuto il piede nella vaschetta), oppure se non gli do’ in tempo da mangiare. Ma capita proprio di rado.

  4. quando sono così piccoli ti viene solo il pensiero di lanciarli. quando poi sono verso i due-tre anni ti devi chiudere nel bagno durante i loro capricci per resistere alla tentazione :-O mi vergogno di me stessa, ma so che è così per molti. mal comune…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...