E Muffin ?

Con tutto questo bel parlare di Blop e della nostra vita con lui ho lasciato un po’ da parte la primogenita felina.
Come ha preso Muffin l’arrivo del fratellino umano? All’arrivo a casa dalla maternità abbiamo posato la culla con Blop sulla tavola e Muffin è venuta a curiosare, un po’ perplessa e i primi tempi ci guardava spesso con un’aria un po’ frastornata ed interrogativa come per dire “ma quand’è che lo riportate indietro?”. In generale, pero’, lo ha ignorato per i primi due-tre mesi.
Ha cambiato comportamento? No, direi di no. Anzi, ha ricominciato a dormire ai miei piedi, cosa che aveva smesso di fare durante la gravidanza (forse perché non riuscivo a trovare una posizione comoda e la infastidivo). Il fatto di voler continuare a far dormire Muffin in camera con noi ci ha aiutato nella decisione di lasciare Blop nella cameretta, da solo. I primi tempi, addirittura, non potendo entrare in cambretta nottetempo aveva smesso di farlo anche durante la giornata. Ora che ha preso confidenza col fratellino umano, invece, continuiamo a chiudere la stanza di notte, ma lei ha ricominciato ad entrarci di giorno, per sonnecchiare sul pouf o sui mobili. Ha tentato qualche intrusione nel lettino, ma è stata subito scacciata e in generale dove c’è l’odore del neonato lei non ci entra (che sia il lettino o la culla o il box) soprattutto se c’è lui dentro. Gli unici momenti in cui si avvicinava a Blop erano quando piangeva e magari noi non eravamo nella stessa. Lei, allora, si metteva vicino a lui e lo osservava, come a voler controllare che andasse tutto bene e se tardavamo ad accorrere (magari uno era in bagno e non poteva teletrasportarsi) allora lei veniva a chiamarci. Troppo tenera la mia pelosetta.
E adesso? A  tre mesi e mezzo dalla nascita del fratellino umano pare si sia abituata alla sua presenza e, nonostante le nostre attenzioni verso di lei siano chiaramente diminuite a causa dell’oggettiva mancanza di tempo, ha imparato a venirci a chiedere le coccole anche in presenza di Blop. Non rare sono, infatti, le volte in cui viene ad acciambellarsi accanto a me mentre allatto mio figlio o salga sulle ginocchia del papà facendo le fusa. Quando era figlia unica, nonostante amasse le coccole, non era mai lei a chiedercele, ma eravamo sempre noi a fargliele per primi.
E Blop? Blop ovviamente non ha ancora realizzato che ha un gatto come compagno di giochi, anche se pian pianino sembra rendersi conto della sua presenza. Nei rari casi in cui sono vicini vicini io prendo la sua manina e gli faccio accarezzare il pelo lungo e morbido di Muffin spiegandogli che non bisogna tirarlo, ma trattarla con dolcezza. Non penso che per ora capisca, ma per la futura convivenza credo sia importante spiegarglielo già da ora, anche se capita che lui afferri il pelo con la manina, stringa forte e tiri. Io sono sempre li’ accanto e sorveglio e Muffin lascia fare, lanciandomi occhiate di sopportazione.
Non vedo l’ora che Blop sia abbastanza grande per giocare con la belletta, anche se un po’ mi dispiace per lei. Come le dico sempre quando miagola insistentemente perché vuole giocare “tra un po’ ci sarà qualcuno che non vedrà l’ora di giocare sempre sempre sempre con te e te mi sa che avrai cambiato idea e correrai a nasconderti”.

Questo post è stato ispirato dalla lettura di quello di Silvana pubblicato sul suo blog Una mamma green.

Annunci

Un pensiero su “E Muffin ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...