Mio marito realizza i sogni

La mia più grande passione, in comune con mio marito, è viaggiare. Scoprire posti nuovi, nuove lingue e nuove culture.
Ovviamente ci sono alcuni luoghi che mi attirano più di altri (Grecia, Giappone, Canada, Paesi del Nord, Egitto), ma per un motivo o per l’altro, sono proprio quelli in cui ho più difficoltà ad andare. Forse perchè alcuni sono tra i più cari o lontani?
Non sono nemmeno mai uscita d’Europa, anche se quando ho fatto il passaporto, nel 2008, sognavo di riempirlo in pochissimo tempo.
Mio marito, però, ha il dono di spazzare via i miei timori, incoraggiarmi e obbligarmi a vincere la mia pigrizia.
Nel 2010 mi ha portato in Grecia, meta né cara, né lontana, ma è stato già un inizio.
Nel 2014, ad ottobre, mi porterà undici giorni in Giappone.
Ieri sera è riuscito a convincermi, vincendo le mie resistenze da neomamma e da disoccupata. D’altronde i suoi argomenti erano tutti sensati e li condividevo.
E’ un nostro sogno e se, l’anno prossimo tornerò a lavorare o se metteremo in produzione una o due sorelline per Blop, diventerà sempre più difficile decidere di prendere e partire.  In più Blop è piccolo, ma nemmeno troppo, i nonni paterni possono facilmente occuparsene in quei giorni perchè non lavorano, Muffin lo sorveglierà attentamente.
Quindi è deciso, i biglietti aerei sono prenotati, la prima notte a Tokyo anche, le due notti di scalo a Dubai anche.

Giappone, aspettami! 

Annunci

9 pensieri su “Mio marito realizza i sogni

  1. tre giorni a tokyo vanno bene, uno a osaka basta, sei giorni a kyoto sono tantini, magari toglietene uno e mettetelo a nara e/o kobe! non ve ne pentirete! quando andate a kyoto andate in qualche posto dove fanno l’okonomiyaki di okinawa (NON DI OSAKA)

    • A kyoto dobbiamo: assistere alla cerimonia del té e andare a visitare la foresta di bambù (e il tempio annesso direi) e in teoria andare a Nara. In più abbiamo dovuto accorciare il viaggio perciò direi che ci restano solo 4 giorni a Kyoto contro i 6 di prima.
      Cercheremo l’okonomiyaki di Okinawa!

  2. ti invidio tantissimissimo: a me nessuno terrà mai i pupi, a meno di non fare 7 ore di macchina fino a genova e lasciarli lì, ma comunque mio marito è troppo terrorizzato all’idea di essere tanto lontano da loro, e forse in fondo anche io. in compenso facciamo tanti viaggi in quattro.
    goditi i nonni, sfruttali anche per me 😦

    • Mio marito è un incosciente (o forse solo francese, chissà) e io pure ad essermi fatta convincere…ma coi nonni sono in buone mani ed è meglio approfittarne ora, che poi magari non se la sentiranno più (e secondo me stanno già cambiando idea, ma non vogliono ammetterlo ahah)

      • è questa la differenza: saperli in buone mani. con mio padre starei tranquilla, di lui mi fido al 100%. dei miei suoceri un po’ meno, visto che hanno perso jan all’ikea e nel giardino di casa loro (??) e che credono sia normale cucinare col tabasco. a parte che non ne hanno voglia e ce lo dicono pure. il bello è che mio marito è quello che si fida meno di loro! pensa che bei ricordi d’infanzia deve avere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...