Acquisti alla brocante

E’ uso e costume che, in Francia, si facciano brocantes et vides greniers (compito per la settimana prossima: trovate la traduzione) grazie alle quali la gente si sbarazza di tutta la roba che non gli serve più, solitamente giocattoli, libri o vestiti per bambini, vendendola a prezzi stracciati. Sicuramente un bel modo per evitare, o almeno ritardare, di gettare roba ancora in buono stato e riutilizzabile.
Tanto per fare un esempio, che poi è il soggetto del mio post, stamattina con 10 euro mi sono portata a casa queste tre belle cosine.

WP_20140920_001

1. Aereo Little People (Fisher Price). Blop ha ricevuto per il suo compleanno la nave pirata della stessa collezione e, visto che gli piaceva, ne ho approfittato per prendergli anche l’aereo (che per ora utilizza come carrellino trasporta tutto)

2. Una cucina in legno (Djeco). Da quando Blop ha mostrato ampio interesse per i giochi di cucina, ho cominciato a guardarmi in giro in cerca di una cucina da regalargli a Natale (vabbeh…), ma tutte quelle che ho trovato o sono rosa, o sono giganti o elettroniche o costano miliardi. Non appena l’ho vista ho esitato perché, appunto, era rosa e va bene che non bisogna esagerare nelle divisioni di genere (infatti lo lascio giocare con le mie borse e i miei cerchietti, per dire), pero’ mi sarebbe piaciuta di un colore un po’ più misto, magari che stesse bene col verde acido della cameretta. alla fine, pero’, ho deciso che costava niente e, soprattutto, era delle dimensioni adatte a casa nostra (ovvero minuscola) quindi l’ho comprata. Per ora Blop si diverte ad aprire e chiudere il forno e a svuotarlo/riempirlo.

3. La jungle (Gallimard Jeunesse). Un libro musicale che, sapevo per certo, Blop avrebbe adorato. Ne abbiamo già altri 4 della stessa collezione, di cui altri due presi proprio a un’altra brocante e due regalati dai nonni, e sono la sua passione. Ho da poco scoperto che li vendono anche in Italia, sicuramente ne ho visto uno alla Mondadori, e non esiste bambino che conosca a cui non piacciano.

Annunci

7 pensieri su “Acquisti alla brocante

  1. Ma che cosa meravigliosa! Quella cucina poi! Anch’io ne sto cercando una per Natale ma son costose e ingombranti. Il libro lo voglio cercare, Mel adora i librini!

    • L’unica non costosa ( e non rosa) che avevo trovato era da Ikea, ma è enorme! Almeno per gli standard di casa nostra. Questa, invece, è proprio un cubetto e ha l’aria resistente (i modelli recenti della marca, su Internet, vengono 55 euro…no comment).
      I librini cercali perché sono davvero un must. Non mi ricordo più il nome delle edizioni italiane, ma so che ci sono, io avevo visto “i trasporti” ma l’avevamo già in francese.

  2. bella la cucinetta! non importa se è rosa: il pupo maggiore comincia appena adesso a dire “quello è per femmine perché è rosa”, ha quattro anni e mezzo. non sono per l’educazione completamente asessuata, ma meglio che non si facciano troppe musse per i colori 🙂
    (noi abbiamo un set di pentolini e padelle rosa, perché le vendono solo di quel colore :-/ )

    • Sono d’accordissimo! E comunque non è che le vendano di molti altri colori…mio marito ha detto che, se un giorno ne ha voglia (ahahaha) magari la ridipinge.
      Io per ora mi baso su cosa gli interessa. Se al nido gioca soprattutto a cucinare mi fa piacere possa farlo anche a casa, se quando usciamo gli piace guardare i lavori sotto casa e commentare i vari mezzi restiamo li’ a guardarli.
      Pero’ potrebbero fare più cucine/pentolini di colori misti perché è sicuramente un’attività che piace a maschi e femmine indistintamente.

      • Infatti quelli dell’ikea sono unisex, perché gli scandinavi non sono così inchiodati sulla divisione dei ruoli! Se posso permettermi di darti un consiglio non richiesto basato sull’esperienza: prima di comprargli un giocattolo, guarda se è un vero interesse o solo curiosità, perché poi ti trovi la casa piena di oggetti che vengono a malapena gaurdati dopo una settimana. Ho visto che quando il Pupo ha a disposizione meno giocattoli, li usa meglio e più spesso, mentre se ne ha davanti una distesa, li tratta come se non avessero alcun valore.

        • Grazie per il consiglio!
          In realtà noi cerchiamo di non prendergliene tantissimi (ma la cucina è una vera passione! e ci giochiamo volentieri insieme) e quelli, numerosi, che ha già cerco di metterglieli a disposizione a rotazione e di convincere la nonna paterna a non comprargliene altri miliardi… perché tanto vedo bene che usa sempre gli stessi due o tre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...