Lista nascita un anno e mezzo dopo. Cosa mi è servito e cosa no. (1)

Il 2015 sarà un anno ricco di nascite e, amiche e parenti, cominciano a chiedermi consigli per i loro acquisti.
In generale, sono abbastanza soddisfatta della mia lista nascita, ma un anno e mezzo dopo qualcosa modificherei di sicuro. Ma vediamo nel dettaglio e per categoria! Cercherò anche di mettere cosa, per me, è stato indispensabile e cosa no.

BAGNO/CAMBIO

Fasciatoio. Per noi assolutamente indispensabile. Personalmente preferisco averlo in bagno, in modo da essere vicina all’acqua durante il cambio e alla vasca da bagno. Noi, avendo un bagno minuscolo, abbiamo optato per il fasciatoio Amplitude di Bebe Confort da posare direttamente sulla vasca. Attenzione, però, al mal di schiena!

Vaschetta. Comoda, ma non indispensabile se si ha una vasca da bagno. Noi, sempre a causa delle dimensioni ridotte del bagno, abbiamo la Flexi Bath della Stokke e ne siamo contentissimi. Per essere una vaschetta pieghevole è un pò cara, ma avendola presa nei saldi ci è costata meno della metà! (per un bagnetto perfetto, non dimenticare di prendere un termometro per controllare la temperatura!)

Cotone e linimento. Fondamentali. Credo che il linimento oleo-calcare, un mix d’olio d’oliva e acqua di calce, non sia molto diffuso in Italia, ma qui in Francia è sempre più comune utilizzarlo per la pulizia del sederino (insieme all’acqua). Senza essere patiti dei prodotti biologici, lo trovo comunque più efficace che le più tradizionali salviette usa e getta.

Pannolini. Lavabili o no. Io, personalmente, non mi sono sentita pronta a testare i pannolini lavabili, ma ho preferito i Pampers (si si) e i più naturali Naty. Da comprare in grande quantità su internet o, perché no, da farsi regalare (soprattutto per chi sceglie i lavabili).

Asciugamano/accappatoio. Non so se andavano di moda nel 2013, ma ci hanno regalato talmente tanti asciugami per neonati che abbiamo potuto lasciarne anche a casa delle nonne! Non indispensabile (un telo da mare può andare bene lo stesso), ma pratico e soprattutto….carino!

Giochi per il bagnetto. Le classiche paperette, che io avevo già da tempo, vanno benissimo. O un libricino. O dei semplici contenitori in plastica per travasare l’acqua e allagare tutto il bagno.

Cosa non ho utilizzato: il mangiapannolini, il riduttore per il bagno, l’anello per il bagno, la bilancia.

NANNA

Lettino. Lo so, sembra evidente, ma lo metto più che altro per dire che a noi è servito solo quello fin dall’uscita dall’ospedale. Niente riduttore. Niente culla. Premetto che noi siamo stati fortunati e Blop, che non abbiamo voluto mettere in camera con noi per non turbare la gatta (si si), si è adattato subito al suo lettino Ikea e se lo terrà fino ai 3 anni, una volta tolte le sbarre.

Culla. Un acquisto non indispensabile soprattutto per chi, come noi, ha un passeggino trio. I primi giorni si può utilizzare tranquillamente quella del passeggino. Però ammetto che ce ne sono di bellissime.

Per chi volesse tenere il neonato con sé, adesso fanno dei bellissimi lettini e/o culle da attaccare al letto così ognuno ha il suo spazio. Ammetto che ero stata tentata, ma dormendo su un futon per terra non era possibile (e poi la gatta non so se avrebbe apprezzato).

Lenzuola. Prevedere almeno un paio di lenzuola in caso di accidenti di pannolino o vomitini notturni. senza dimenticare i copri-materasso! Io ne avevo preso solo uno, ma al primo incidente mi sono ritrovata a non averne di ricambio (non è grave, ma se c’è un secondo incidente…povero materasso).

Sacconanna. In Francia le coperte per i bambini sotto ai 18-24 mesi sono state sostituite dai sacchinanna per ridurre il rischio di soffocamento. Secondo me tengono meglio al caldo, soprattutto se la mamma è imbranata come me e rischia di non fare bene il letto.

Paracolpi. Assolutamente inutile, ma molto carino. Da evitare almeno fino ai 6 mesi per il già citato rischio di soffocamento (io da quando ho scoperto la morte in culla ho seguito tutti i consigli per tentare di evitarla, come un’invasata. E ancora adesso, se dorme più a lungo del solito, corro silenziosamente a vedere se è vivo).

Doudou. O più semplicemente peluche. In teoria anche i peluche non dovrebbero essere tenuti nel lettino fino a una certa età, ma molti neonati si addormentano solo con un doudou. Blop no, lui si addormenta con tre ciucci e ha scelto il suo doudou alla tenera età di 16 mesi.

Giostrina. Abbastanza inutile. Noi avevamo le mitiche apine della Chicco, uguali a quelle che avevo io nel lontano 1984, ma a Blop interessavano poco. Le abbiamo tolte da poco, un pomeriggio che gli sono cadute in testa mentre faceva il pisolino pomeridiano. L’unica cosa che gli interessa adesso, è una luna luminosa e musicale della Chicco. La accendo mentre ci prepariamo per andare a nanna e si addormenta ascoltandola.

Ciuccio. All’inizio volevamo fare senza, adesso ne abbiamo una collezione impressionante, anche se pian pianino stiamo cercando di limitarne l’uso. Resta indispensabile per dormire (uno in bocca e uno in ogni mano).

Cosa non ho utilizzato: il riduttore per lettino, l’interfono (ma sicuramente è comodo per chi ha una grande casa/appartamento), il cuscino (vietato fino ai 18-24 mesi)

USCITE/VIAGGI

Passeggino. Trio o non trio, questo è il problema. Noi adoriamo il nostro, perciò ne restiamo dei fermi sostenitori, ma Blop non amando dormire molto, bisogna ammettere che la culletta non l’ha utilizzata moltissimo. L’ovetto/seggiolino auto, invece, sì. Sicuramente ingombrante, ma multiaccessoriato :protezione pioggia (indispensabile per chi si muove sempre a piedi come me), borsa cambio, copertina antifreddo, parasole, porta bottiglia per mamma/papà (ihihih).

Marsupio e/o fascia. Indispensabile. Non ho voluto prendere la fascia perchè, maldestra come sono, avevo paura di non annodarla bene (e chi ha fatto gli Scout con me sa come sono scarsa brava a fare i nodi) perciò ho optato per il Manduca e ne sono contentissima. Nonostante in città preferisca aggirarmi col passeggino, il marsupio è comodissimo durante i lunghi viaggi in treno (provate a mettere un passeggino nel TGV e capirete) o con tante valigie, ma anche per andare a fare la spesa e avere le mani libere se, come me, dovrete fare quattro piani a piedi con spesa e bambino, o per cucinare/fare le pulizie con un neonato urlante per casa che non vuole dormire se non addosso a voi.

Lettino pieghevole. Tutto dipende da se e quanto viaggiate. Noi, per esempio, non lo abbiamo preso perché tutti i nonni avevano già un lettino pronto per Blop e, durante i viaggi, abbiamo utilizzato i lettini degli hotel (ricordatevi di prenotarlo in anticipo per non rischiare di non trovarlo al vostro arrivo) o la culla del passeggino. In realtà per i primi tempi avevamo anche una culla pop-up, tipo questa, che ho trovato davvero comoda, ma non indispensabile. Però era talmente bella che non ho saputo resisterle…

Seggiolone da viaggio. Non era presente nella lista nascita, ma a doverla rifare ce lo metterei subito. Certo non è utile nei primi mesi di vita, ma se ci si sposta molto (come noi) è praticissimo perchè non tutti gli amici/parenti o i ristoranti sono equipaggiati con un seggiolone. Noi abbiamo preso questo modello in stoffa e ora non possiamo più farne a meno: è leggerissimo, si piega velocemente, non prende spazio in valigia e ,essendo double face, se si sporca da un lato e non si può lavarlo subito basta girarlo e usare l’altro lato. Cosa chiedere di più?

Seggiolino auto. All’inizio abbiamo usato quello del trio e, adesso, siamo passati a quello per bimbi più grandi. Pratica, ma non indispensabile? La base isofix.

Cosa non avevo messo nella lista, ma che adesso (forse) metterei : un gioco da macchina per neonati, un organizer da macchina per avere tutto a portata di mano durante i viaggi, le tendine parasole.

Annunci

Un pensiero su “Lista nascita un anno e mezzo dopo. Cosa mi è servito e cosa no. (1)

  1. il paracolpi non serve come paracolpi, ma come paraciucci!! da quando l’ho tolto a joachim piovono ciucci per tutta la notte, e se dorme male per qualche motivo, si sveglia e li reclama! (anche lui uno in bocca e uno per mano, che buffo!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...