Crudista e fruttariano

Da piccolo, Blop era un magione. Adorava tutto, pure le peggio sbobbe che ogni tanto gli propinavo : senza sale, poco olio,  abbinamenti di verdure improbabili.
Pian pianino ha iniziato a s sviluppare gusti propri e a diventare un gran rompiballe.  Siccome in casa nostra la teoria è sei obbligato almeno ad assaggiare, poi se non ti piace e/o non lo vuoi affari tuoi, spesso la sera Blop cenava con un frutto e uno yogurt.
Tra l’altro io ho sempre cercato di cucinargli roba che gli piacesse, ma una sera gli piaceva la frittata di verdure, la settimana dopo no. Prima mangiava chili di pasta condita con ogni tipo di sugo (pomodoro, pesto, sugo di noci, gamberetti e zucchine) adesso mangia solo pasta all’olio. Carne, pesce, pollo non li mangia se non impanati e nemmeno sempre. O al massimo mangia gamberetti. Un giorno divora barbabietola e lenticchie, il giorno dopo gli fanno schifo. Poi ci sono cose che mangerebbe tutti i giorni, tipo la salsiccia e i würstel, ma che gli concedo tipo una volta al mese. Con un po’ di sforzo riesco a fargli mangiare uova e prosciutto, ma cercando sempre di non abusarne.
Pero’ adora la cucina giapponese (sushi, maki, gyoza) e tutte quelles schifezze francesi, come paté e fois gras, che pero’ io mi rifiuto di comprare.  Ovviamente mangerebbe dolci e gelato a volontà e mi ripeto sempre che dovrei vincere la pigrizia e farli io, invece di comprarli.
Per fortuna adora sempre la frutta, anche se un giorno le fragole si, un giorno solo kiwi, la settimana solo mela o pera. L’importante è non mangiare mai quello che gli propongo.
per quanto riguarda la verdura, prima riuscivo a fargliela mangiare nei sughi o nel ripieno della pasta. A volte mangiava anche spinaci, carote, zucchine e melanzane. Adesso mangia solo roba cruda: carote, pomodorini, ravanelli, mais.

Idee di menu?
Sei ho fatto un’insalata di pasta con tutte le cose che gli piacciano, ma lui mi ha detto che gli piacciono solo separate e non mescolate.

I lavoretti dell’asilo

Stasera Blop mi ha chiesto : “Mamma, ma dove sono tutti i lavoretti che ho fatto all’asilo? Sulla mensola c’è solo il pupazzo di neve”.
Gli ho risposto che la barca in pasta di sale è al mare dalla nonna perché “una barca deve stare al mare” e che il calzino/omino rosa ripieno di carta è in uno scatolone per la casa nuova, ma spero non me lo chieda più perché non ho il coraggio di dirgli che li ho buttati via tutti.

D’altronde in quella classe sono molto prolifici e non passa settimana che non portino a casa qualcosa. Io se potessi mi terrei tutto, ma probabilmente poi toccherebbe a me uscire di casa (pero’ prima di buttarli li fotografo!) e visto che tra un mese e mezzo traslochiamo, era l’occasione per farlo.

 

15 mesi

Causa stress da operazione, ho colpevolmente saltato qualche mesiversario di BlopBlop, cosi’ poi non saprò più rintracciare i suoi progressi.

A 15 mesi e qualche settimana, BlopBlop :

  • cammina e corre per tutta la casa, possibilmente inseguendo il fratello
  • mangia di tutto come un vero porcellino
  • ha sempre 8 denti
  • picchia suo fratello che, immancabilmente, si mette a piangere
  • é testardo come un mulo
  • capisce benissimo italiano e francese e risponde alle domande con un movimento della testa per dire si o no
  • ama ballare e trasportare cose per tutta la casa
  • sa eseguire richieste semplici (vai a tavola, vieni in bagno, porta questo a papà, …)
  • se vede che inizio a vestirmi per uscire va a prendre giacca e scarpe e me le porta
  • chiama tutti mamma, raramente papà

Il vocabolario migliora di giorno in giorno, ora sa dire:

  • mamma
  • papà
  • Maaa per Muffin
  • là (indicando col dito)
  • tiens per tieni
  • allo (portandosi la mano all’orecchio)
  • ciuciu per ciuccio (anche se Blop lo corregge dicendogli tetine)

Più altre parole varie ed eventuali che magari ripete una o due volte, ma non utilizza ancora quotidianamente.

Dove stiamo andando?

Oggi é il 25 aprile, la Liberazione.
Fin da piccola sono sempre stata affascinata da questa festa, forse perché mia mamma mi cantava canzoni a tema o perché alle medie la nostra insegnante di musica ci faceva suonare alle commemorazioni.

Sono sempre stata orgogliosa di vivere in una città che si è liberata da sola.
Ho letto, guardato e ascoltato tantissime cose sulla seconda Guerra Mondiale, i partigiani e i campi di concentramento. Ho pianto a ogni volta. Ho sempre pensato che finché avessi pianto tutto sarebbe andato bene, mi sarei ricordata di cosa è giusto e cosa è sbagliato.

Gli anni passano, la gente dimentica o sembra non voglia ricordare, i testimoni scompaiono, il mondo non ha imparato niente e io, che ho sempre temuto in una III Guerra Mondiale stringo i miei bimbi e mi chiedo dove stiamo andando.

Dove stiamo andando se io, proprio io, per un attimo ho pensato che forse forse se vincesse il Front National sarebbe meglio? In fondo, se non fosse per le loro idee sugli extracomunitari, il loro programma è meglio di quello  dell’altro candidato.

Dove stiamo andando se io, proprio io per un attimo ho pensato cosi?
Fucilatemi, subito.

Quando i nazisti presero i comunisti,
io non dissi nulla perché non ero comunista.
Quando rinchiusero i socialdemocratici
io non dissi nulla perché non ero socialdemocratico.
Quando presero i sindacalisti,
io non dissi nulla perché non ero sindacalista.
Poi presero gli ebrei,
e io non dissi nulla  perché non ero ebreo.
Poi vennero a prendere me.
E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa
(M. Niemoller)

Rientro a casa

Lunedì BlopBlop e’ stato (finalmente) operato.
E’ andato tutto benissimo, nonostante un bello spavento in sala risveglio.
Dovevamo restare fino a mercoledì prossimo, ma ha recuperato talmente bene che ci hanno proposto di uscire oggi e di ritornare tutte le 48h circa per delle visite di controllo col chirurgo e il cambio delle bende.

Vocabolario bloppesco #3

Blop e’ a Genova da una settimana e mezza e, nonostante continui a parlare in francese, utilizza sempre più parole in italiano. O italiano bloppesco.

Mamma : Cosa ti e’ piaciuto del museo?
Blop : Les dinosaures dans les VUOV (I dinosauri nelle UOVA)

Mamma : Cos’hai fatto oggi?
Blop : Ho comprato un ballon et j’ai mange’ un leccalec (ho comprato un pallone e ho mangiato un lecca lecca)

L’italiano, secondo Blop, si parla troncando le finali delle parole, chissà perché…