Il test d’ingresso

A Lione abbiamo la fortuna di avere una scuola internazionale pubblica che va dalle elementari al liceo, la Cité Scolaire Internationale (CSI), nata per istruire i figli dei dipendenti dell’Interpol e che ha un’ottima reputazione.

les-missions-csi
Ne avevo sentito parlare già quando Blop era neonato, ma abitando in un quartiere dall’altra parte della città non me n’ero interessata più di tanto perché avrebbe dovuto fare lunghi tragitti in autobus e nel nostro quartiere c’erano altre scuole eccellenti.
Da due anni, pero’, ci siamo trasferiti nel quartiere della CSI e quindi abbiamo pensato che fosse un’opportunità per Blop di poterla frequentare. L’unico problema era che, a causa della forte domanda e dei pochi posti disponibili (tra 8 e 12), c’era da passare un test di ingresso composto da due prove : italiano e matematica/francese.  Se le seconde non pensavo ponessero problema a mio figlio, la prova di italiano era un po’ un’incognita. In effetti lui lo capisce benissimo, ma lo parlicchia solo con la bisnonna e il cuginetto. Ho provato a fargli fare degli esercizi, ma entrava subito in modalità “non so l’italiano” e ho smesso perché temevo di peggiorare la situazione.
Il giorno delle porte aperte, in più, la responsabile della sezione mi aveva detto che non essendo una scuola di lingua, ma una scuola in cui seguiva il doppio programma italiano/francese, se non parlava italiano era inutile passasse il test.
Io, pero’, sono testarda e non volevo fargli perdere questa opportunità o, almeno, l’opportunità di provare a entrare nonostante le scarsissime possibilità, quindi l’ho iscritto lo stesso seppur col dubbio che il giorno del test facesse scena muta.

Oggi c’era, quindi, il famoso test di ingresso. Per la sezione italiana c’erano 28 bambini per una decina di posti in prima elementare, quindi una probabilità su tre (sapendo che l’ordine di priorità é: italiani che arrivano dall’estero, francesi che arrivano dall’estero, bilingue che abitano già in Francia).
Un caldo bestiale. Tra una cosa e l’altro siamo rimasti circa 4h30 nel corridoio interno della scuola, sotto una vetrata, con la temperatura fuori che avvicinava i 40 gradi. Meno male che i bambini sono più resistenti di noi, perché io pensavo di prendere fuoco.
Gli insegnanti venivano a cercare i bambini per gruppi di 4 o 5  e li portavano nelle aule per passare i test.
Per fortuna Blop ha iniziato con gli esercizi di matematica e francese (45 minuti di durata) ed é andato da solo senza fare storie, stupendomi e commuovendomi per il suo coraggio (la mattina stessa aveva lamentato mal di pancia da ansia) e tornando soddisfatto e sorridente perché aveva fatto tutto giusto. Ovviamente questo tutto giusto é una sua sensazione perché non gli hanno detto niente.
Dopo un breve pranzo nella mensa della scuola, via a un’ora di italiano con altri 3 o 4 bambini. Temevo di vederlo tornare in lacrime perché non era stato capace di dire niente in italiano, invece é arrivato contento dicendo che aveva fatto tutto giusto (chissà!) e aveva parlato in italiano, ma non aveva colorato perché non gli era rimasto tempo (o voglia, conoscendolo).

Ovviamente avevo qualche riserva sul suo parlare italiano, visto che io non lo sento MAI farlo, ma mi ha detto che aveva usato le parole “palla” e “la scuola” e altre che non si ricordava più e da oggi pomeriggio…mi parla in italiano facendo frasi complete !

Le possibilità di entrare tra gli ammessi sono scarsissime, ma sono orgogliosa di come ha affrontato la prova e di avergli mostrato che sapeva parlare italiano nonostante le sue riserve. Ora aspettiamo i risultati il 6 luglio e, se non sarà preso, non sarà la fine del mondo e ci saranno altri modi per imparare la lingua e la cultura della sua mamma .

Annunci

7 + 7 + 7

Da circa una settimana Blop si è appassionato alle addizioni. Questo week end abbiamo tirato nuovamente fuori i cubi matematici della Clementoni e si divertiva con la nonna paterna a farne qualcuna, al grido di “le addizioni sono facili!” (se lo dice lui…) .

cubi-matematici_iosfbez-460x460_q100

Adesso quando si annoia o la sera a letto,  lo sento che si chiede quanto fa tale numero più tale numero e conta con le dita per trovare la risposta.
Ieri ha deciso di aumentare il livello e sommare tre o quattro numeri invece di due. Il primo tentativo é stato il 7 + 7 + 7 del titolo del post, a cui ha rapidamente trovato la soluzione. E’ arrivato tutto contento dicendomi che faceva 21 e ha aggiunto “pero’ ho usato le dita per contare”.

Ora, io capisco tutto, ma come si fa a farlo con le dita? Cioè io ci ho provato, pur sapendo la soluzione a mente, ma mi incasino ogni volta. Si vede che la mente matematica non l’ha presa da me!

IO. Cosa posso fare io?

Sono giorni, settimane,  che leggo notizie di cronaca che non mi piacciono. Razzismo, violenze, l’estrema destra che pian piano riacquisisce voti e dignità. In Italia e in Europa.
Sono giorni che cerco le parole, ma non le trovo. Non riesco a capire come sia possibile. O meglio, oggettivamente certe cose le so: la povertà, la paura dello straniero, il voler sempre dare la colpa a qualcun altro, certi politici che spingono in quella direzione. Eppure mi sembra cosi assurdo.

All’inizio leggevo certi post e condivisioni su Facebook e scuotevo la testa, magari mi indignavo o sospiravo. Poi i post sono aumentati e io, semplicemente, ho cliccato su “non seguire più”, pero’ poi mi sono resa conto che non serve a niente, anzi è peggio perché chi la pensa in quel modo sta aumentando e io non riesco a smettere di chiedermi COSA POSSO FARE PER IMPEDIRLO? COME POSSO FARGLI CAMBIARE IDEA?

Sarà che sono sempre stata un’appassionata di storia e della II Guerra Mondiale, sarà che certe cose mi sembravano assurde da ragazzina e mi sembrano ancora assurde oggi, sarà che non pensavo potesse davvero capitare di nuovo.

Io il razzismo non lo capisco. Le nozioni di diverso e di confini mi sono estranee. Mi sento italiana, europea, cittadina del mondo. Non sono perfetta, per carità. Mi sono più volte infastidita quando invece che accettare qualcosa da mangiare mi é stato risposto “dammi piuttosto dei soldi”. Rispetto le regole e mi innervosisco se gli altri non lo fanno, siano italiani, francesi, tedeschi, cinesi, giapponesi, arabi, africani, indiani o quello che si vuole.

Ho paura. Non dell’immigrato (come me), del povero o dello straniero, ma dell’indifferenza che rischia di portarci nell’abisso e del giudizio della Storia, quella che tra tanti anni si chiederà “com’è possibile? come la gente ha potuto lasciare che accadesse?“.
Come ho potuto lasciare che accadesse? Il tram tram quotidiano, i figli, la vita che va avanti, hanno fatto che mi sia estraniata da tutto quello che mi capitava intorno da almeno 5 o 6 anni. Anni difficili da recuperare, fatti difficili a cui rimediare. Certo, io da sola non posso cambiare il mondo, ma avrei potuto fare di più? Posso, adesso, fare di più?

Ho paura di quello che sto lasciando ai miei figli.

1 Maggio – Furore (J. Steinbeck)

„Le strade pullulavano di gente assetata di lavoro, pronta a tutto per il lavoro. E le imprese e le banche stavano scavandosi la fossa con le loro stesse mani, ma non se ne rendevano conto. I campi erano fecondi, e i contadini vagavano affamati sulle strade. I granai erano pieni, e i figli dei poveri crescevano rachitici, con il corpo cosparso di pustole di pellagra. Le grosse imprese non capivano che il confine tra fame e rabbia è un confine sottile. E i soldi che potevano servire per le paghe servivano per fucili e gas, per spie e liste nere, per addestrare e reprimere. Sulle grandi arterie gli uomini sciamavano come formiche, in cerca di lavoro, in cerca di cibo. E la rabbia cominciò a fermentare.“
“Qui l’unico governo che abbiamo è il margine di profitto.”

“Dove andiamo? Per me non andiamo mai da nessuna parte. Siamo sempre in viaggio. Sempre in cammino. Perché a questa cosa non ci pensa nessuno? Oggi tutto si sposta. La gente si sposta. Sappiamo perché e sappiamo come. la gente si sposta perché vuole qualcosa di meglio. E quello è l’unico modo per trovarselo. Quando gli serve qualcosa, quando gli manca qualcosa, se lo vanno a pigliare. E’ a forza di sopportare che uno impara a ribellarsi. io ho camminato per tutto il paese, e ho sentito la gente parlare come te.”

“E i grossi proprietari cui una sommossa avrebbe fatto perdere tutte le terre, i grossi proprietari con accesso alla Storia, con occhi per leggere la Storia e ricavarne la grande verità: quando le mani in cui si accumula la ricchezza sono troppo poche, finiscono per perderla. E la verità accessoria: quando una moltitudine di uomini ha fame e freddo, il necessario se lo prende con la forza. E la piccola ma sonora verità che echeggia lungo la storia: la repressione serve solo a rinforzare e unire gli oppressi.”

“L’evoluzione dell’economia fu ignorata, i progetti di riforma furono ignorati; l’attenzione si concentrò sui mezzi per reprimere la rivolta, senza intervenire sulle cause della rivolta.”

“Le grosse imprese non capivano che il confine tra fame e rabbia è un confine sottile. E i soldi che potevano servire per le paghe servivano per fucili e gas, per spie e liste nere, per addestrare e reprimere. Sulle grandi arterie gli uomini sciamavano come formiche, in cerca di lavoro, in cerca di cibo. E la rabbia cominciò a fermentare.”

La madre del partigiano – Gianni Rodari

Sulla neve bianca bianca
c’è una macchia color vermiglio;
è il sangue, il sangue di mio figlio,
morto per la libertà.
Quando il sole la neve scioglie
un fiore rosso vedi spuntare:
o tu che passi, non lo strappare,
è il fiore della libertà.
Quando scesero i partigiani
a liberare le nostre case,
sui monti azzurri mio figlio rimase
a far la guardia alla libertà.

 

Un fidanzato di troppo – Chiara Venturelli

Due anni fa terminavo la recensione di Lezioni di seduzione chiedendo a Chiara un seguito e lei, molto gentilmente, nemmeno due anni dopo ce l’ha fornito. E che seguito!

coverdef

Sono trascorsi quattro anni dall’atto finale di Lezioni di seduzione e la distanza ha messo a dura prova Liz e Jack, alimentando incomprensioni e gelosia. Il tempo e gli eventi li hanno cambiati ma, ancora una volta, sarà uno spettacolo a costringerli a comunicare.
Jack è passato dal teatro alla tv e sul set della commedia romantica Un fidanzato di tropposcoprirà che, di nuovo, la sua vita privata rischia di seguire i binari di quella fittizia.
Liz ha appena ripreso le redini della sua vita, sostenuta dall’amicizia di Rick e Jessica, quando si ritrova tra due fuochi. Chi scegliere tra Daniel, da sempre fonte di supporto e stabilità, e Jack, che invece considera la vita come un grande palcoscenico? Tra equivoci, rancori, nuovi e vecchi amori, l’epilogo di una storia nata dall’alchimia e messa alla prova dalla distanza. L’amore, si sa, non è mai logico né facile.

Per prima cosa una domanda: Chiara cosa hai fatto a Daniel? Cosa ti aveva fatto di male? So di essere stata una delle rare ad averlo apprezzato nel primo libro, l’avevo anche un po’ shippato con Liz, ma qua l’avrei preso a badilate in testa dall’inizio alla fine. In compenso ho apprezzato Rick più che in Lezioni dove, al più, mi era simpatico ma abbastanza indifferente. Un po’ mi dispiace questo cambiamento di migliore amico, ma le scene con Rick, Jess e Liz mi sono piaciute moltissimo quindi va bene cosi.
I personaggi sono davvero maturati, soprattutto Jack, o forse ha aiutato l’avere anche il suo punto di vista. Adoro avere il punto di vista dei personaggi maschili e non solo della protagonista. Interessante anche l’uso di qualche salto temporale.

In definitiva, ho iniziato il libro la mattina e nonostante due bambini a casa in vacanza, ma complice un lungo tragitto in autobus che mi ha liberato un po’ di tempo, la sera l’avevo terminato. Un libro che si divora come questo, senza che ti venga mai la voglia di chiuderlo per prenderti una pausa, merita che lo consigli a chiunque.
Brava Chiara, continua cosi !

Un fidanzato di troppo é disponibile solo su Amazon in versione e-book Kindle a 2,99 euro e in versione copertina flessibile (330 pagine) a 12,90 euro. Per chi non avesse avuto l’occasione di leggere Lezioni di seduzione se ne trova ancora qualche rarissima copia in qualche libreria, ma credo siano in esaurimento, peccato perché è un bel libro e sono sicura avrebbe trovato ancora molti fan.

La principessa sul pisello

Ogni mattina, io e Blop guardiamo il suo calendario e facciamo l’attività proposta (matematica, francese, inglese, cultura, canzoni…). E’ il nostro rituale prima di andare a scuola e, ogni tanto, mi regala delle fantastiche perle come quella di martedì scorso.

8275DFAB-BFDF-4F70-92B2-6B9FEE8BE4C9

Mamma: Blop la conosci questa storia?
Blop : No.
Mamma: E’ la principessa sul pisello, secondo te di cosa parla?
Blop: Di una principessa che fa sempre la pipi.
Mamma: Eh? Perché mai farebbe sempre la pipi? Spiegami che non capisco.
Blop: Perché ha il pisello.
Mamma: …. ?
Blop: In italiano pisello non vuol dire zizi?

In effetti il suo ragionamento non fa una piega, ingenua io a non averci pensato, ma ho seriamente rischiato di rotolare dalla sedia per le risate.