Il (non) concorso

Per chi non lo sapesse, da che sono arrivata in Francia ho sempre lavorato come segretaria all’università o in altri organismi che si occupano di formazione (tranne in due casi, quando ho lavorato a Eurodisney e quando ho fatto la trascrittrice di italiano nel mezzo del nulla della regione parigina) .

E’ quindi con naturalezza che ho ricominciato a cercare nello stesso settore, molto prospero qui a Lione tra università, centri di formazione, scuole di prépa, … con dei criteri molto poco restrittivi : vicino a casa, part time, pagato bene, possibilmente a tempo indeterminato o comunque un tempo determinato lungo. Detta cosi sembra impossibile trovare qualcosa, invece ho fatto anche un sacco di colloqui, tutti non andati a buon fine.
Poi mi é caduto l’occhio sull’annuncio dell’assunzione senza concorso di tre assistenti amministrative nella vecchia università dove avevo lavorato prima della nascita di BlopBlop e ho deciso che si, anche se era un po’ fuori dalla mia zona di ricerca, pagato meno che per lo stesso posto nel privato e non part time, sarebbe stato stupido non provarci, tanto le possibilità erano scarse (l’anno scorso avevo già provato nella stessa maniera in un’università vicino a casa e non mi avevano nemmeno chiamato per il colloquio).

Mando quindi il curriculum, me ne dimentico, lunedi scorso vengo chiamata all’improvviso per il colloquio , passo a salutare le mie ex colleghe, sostengo il colloquio e ne esco poco, ma proprio poco soddisfatta. Secondo me non ero stata brillante come in altri colloquio, mi sono fatta prendere dal panico e ci mancava poco che balbettassi. Devo anche aver guardare la commissione con gli occhi sgranati da cerbiatto pronto a farsi sbranare da un lupo . Torno a casa e mi concentro sugli altri colloqui ancora da affrontare.

Stamattina apro le email e là cosa leggo? Che sono seconda in graduatoria e se sono sempre disponibile ad accettare il posto in tale ufficio devo rispondere al più presto mandando alcune informazioni per completare il mio dossier e “benvenuta nella nostra università“.

Inizio a settembre come stagista fonctionnaire e, se tutto va bene, dopo un anno mi titolarizzano (chissà come si dirà in italiano) e divento un dipendente pubblico a tutti gli effetti. Certo parto dal basso, proprio dal basso basso, nonostante i miei titoli di studio mi permetterebbero di partire dall’alto, ma diciamo che intanto un piedino dentro l’ho messo, poi sono sempre in tempo a passare i concorsi, quelli veri.

Stamattina mi veniva da ridere. E da piangere. E da ridere, che dopo quattro anni  a casa uno non sa nemmeno più come si fa a lavorare, e come facciamo con l’organizzazione dei bambini? Chi lo porta a scuola? Chi li tiene il mercoledi? Quanto ci costerà la baby sitter? Due figli, due lavori a tempo pieno, niente nonni nelle vicinanze che possano dare una mano, fa tutto un po’ (tanta) paura, ma sopravviveremo anche a questa.

Annunci

Il risultato

Senza grandi sorprese Blop non é stato ammesso alla scuola internazionale.
Sabato 6 luglio sono andata a vedere i risultati e il suo nome non era sulla lista degli ammessi. Mi spiace solo che non abbiano affisso una graduatoria o un punteggio per sapere com’era andata per ogni bambino, ma pazienza. Vedremo l’anno prossimo se ritenteremo o lasceremo stare.

A Blop non l’abbiamo ancora detto perché domenica é partito con mia mamma per Genova e non volevo bloccare il suo sviluppo dell’italiano. Ogni sera mi manda messaggi vocali sul telefono, in italiano, per dirmi in poche frasi cosa ha fatto : “ho mangiato la pizza”, “non ho soldi”, etc… pian piano dalle parole inizia a formare frasi sempre più complesse. Il francese rimane predominante, ovviamente, ma senza la mamma che capisce/traduce é obbligato a comunicare e fa enormi progressi.

Di quelli che non poterono salire sull’aereo a causa di una varicella ormai guarita o la delusione di due bambini

Antefatto: Blop ci ha chiesto spesso di poter prendere l’aereo, quindi qualche mese fa abbiamo deciso di “accontentarlo” e di prenotare le vacanze a Berlino, città che ci sembrava interessante sia per noi adulti sia per i bambini.

A maggio é arrivata l’epidemia di varicella al nido, BlopBlop avendola già scampata per due anni di seguito sarebbe stato un miracolo non la prendesse nemmeno questa volta. Quindi qualche settimana fa, quando sono apparse le tipiche pustole me l’aspettavo e, tutto sommato, pensavo ci fosse anche andata bene perché cosi sarebbe guarito prima del viaggio.
L’ho subito portato dalla pediatra per chiedere rassicurazioni sul viaggio e, perché no, un certificato medico spiegando bene che dovevamo prendere l’aereo. La sua risposta é stata “stia tranquilla, da qui al viaggio é guarito e non ci sono problemi per viaggiare“.  Dopodiché : ho continuato ad organizzare i bagagli, BlopBlop é tornato al nido e poi é andato qualche giorno dalla nonna paterna, contemporaneamente Blop si é gonfiato come un palloncino in faccia, probabilmente a causa di un’allergia alle graminacee come suo padre, ho organizzato la sua festa di (finto) compleanno per essere sicura che i suoi amici potessero essere presenti (la sfiga di bambini nati ad agosto…) , ho organizzato un’assemblea generale all’associazione di cui faccio parte e mi sono fatta eleggere come segretaria e la varicella di BlopBlop me la sono dimenticata, tanto più che giovedi mattina gli rimanevano 4 povere croste in faccia. Per me era guarito, mi avevano confermato che non era più contagioso e non ci ho più pensato.

Giovedi mattina eccoci, quindi, pronti all’avventura. I bambini sono eccitati come delle pulci, non vedono l’ora di salire sull’aereo. Blop continua a dire a BlopBlop che se ha paura lo consolerà lui e BlopBlop ripete che vuole volare insieme agli uccellini.
Arriviamo all’aeroporto di Lyon St Exupery con largo anticipo, imbarchiamo il bagaglio con la nota compagnia low cost arancione che doveva portarci a Berlino, la signorina chiacchiera e fa mille moine a BlopBlop, passiamo i controlli di sicurezza, ci svuotano il bagaglio a mano dei bambini (contenuto: un vasino portatile, dei peluches, dei pannolini, qualche gioco per il viaggio, tutta roba pericolosissima) e fermano mio marito perché le sue scarpe hanno deciso di suonare a tutti i controlli. Ci guardano tutti per bene, insomma.
Aspettiamo qualche ora in aeroporto nell’aria per bambini finché non arriva il nostro turno e li il dramma.
La hostess ci vede e siccome abbiamo un bambino piccolo ci fa passare avanti, poi si ferma e ci chiede se aveva la varicella. Noi, scemi, rispondiamo che l’aveva avuta, ma che gli rimaneva solo qualche crosta. Ci fermano, fotografano BlopBlop, l’hostess vorrebbe chiamare il dottore dell’aeroporto per sapere se davvero non é contagioso, il suo responsabile ci dice che senza certificato medico non possiamo salire e che dovevamo leggere le condizioni di vendita, ma se il nostro pediatra ci mandava il certificato via mail poteva forse farci salire. La pediatra senza visitarlo non vuole farcelo, i bambini si mettono a piangere, i toni salgono, praticamente il responsabile ci trascina via dalla fila d’attesa; Noi chiediamo un certificato di rifiuto di imbarco e lui ci dice che ce lo avrebbero fatto in biglietteria. Ciao ciao arrivederci. La valigia in un microsecondo é scaricata dall’aereo e noi andiamo in biglietteria dove una simpatica signora ci dice “impossibile che vi abbiano detto cosi, io posso vedere solo come modificare il viaggio”. I toni salgono ancora, ci sentiamo ampiamente presi per i fondelli, i bambini piangono sempre, il responsabile (ah se avessimo pensato a chiedergli il nome!) non ha scritto niente per il customer care, la tizia in biglietteria ci dice di telefonare a un determinato numero, mio marito telefona davanti alla tizia che non vuole parlare col servizio clienti. Io cerco di spiegare ai bambini, loro piangono sempre. Il delirio.

Il servizio clienti al telefono, preso da pietà, ci rimborsa subito le tasse areoportuali (almeno quelle!) e noi ce ne torniamo mesti a casa, dove organizziamo in quattro e quattr’otto una partenza in treno per il giorno dopo, direzione Tolosa.

BlopBlop continua a chiedere quando potrà prendere l’aereo per volare con gli uccellini e mi si stringe il cuore. Di certo con easyjet non voleremo MAI più. (Abbiamo poi letto le condizioni e c’è scritto un vago “si puo’ viaggiare dopo 7 giorni dall’apparizione dell’ultima pustola” e non si fa menzione di un certificato medico obbligatorio).

Per amore di precisione, copio dal loro sito internet:

I passeggeri affetti da una malattia infettiva non grave, inclusa una delle seguenti patologie, possono volare conformemente alle linee guida nella tabella riportata di seguito.

Malattie infettive Autorizzato a viaggiare
Rosolia 4 giorni dalla comparsa delle irritazioni
Morbillo 7 giorni dalla comparsa delle irritazioni
Orecchioni dopo che il gonfiore sarà diminuito (normalmente dopo 7 giorni)
Varicella 7 giorni dalla comparsa dell’ultima macchia
Infezioni da virus (ad es. influenza stagionale) quando l’infezione non è più contagiosa

Preciso che conosco benissimo la pericolosità della varicella per gli immunodepressi o gli adulti, una persona della mia famiglia avendola fatta a 20 anni e avendo sviluppato un’encefalite che l’ha tenuta in coma, quindi se avessi avuto il dubbio che poteva essere ancora contagioso non l’avrei assolutamente portato sull’areo (al contrario di gente che online da consigli su come imbarcare i bambini con la varicella ancora contagiosa) e pazienza per la vacanza. Avremmo, almeno, avuto il tempo di avvisare i bambini, cambiare date, organizzare altro con calmo.
Ammetto che io sono stata scemissima a non tornare dal pediatra il giorno prima della partenza per chiedere un certificato, solitamente sono molto scrupolosa e ansiosa su queste cose, ma presa da tremila cose me ne sono dimenticata e  sicuramente il pediatra avrebbe potuto dirmi lui stesso di tornare per fare il certificato o farcelo gentilmente sul momento e mandarcelo via mail, visto che alla visita precedente aveva detto che sarebbe sicuramente guarito.

Fun fact: mentre litigavamo in biglietteria, Blop ha pensato bene di lanciare il peluche preferito di suo fratello, un’adorabile volpina, sul tetto della biglietteria e non siamo riusciti a riprenderlo ( oltre a non essere nello spirito giusto per dedicarci tutte le nostre energie).

La bici

Blop non ha mai usato la bici con le rotelle.
A 2 anni gli hanno regalato la balance bike, quella senza pedali per intenderci.
A 3 anni in giardino dalla nonna paterna usava, pare perché io ho visto mezzo video e mai dal vivo, una vecchia bici piccina e rosa senza rotelle. A casa continuava ad utilizzare la bici senza pedali.
A 4 anni la balance bike era diventata troppo piccola, quindi siamo passati al monopattino a 3 ruote perché era più comodo per andare in giro in città.
A 5 anni e mezzo Babbo Natale gli ha regalato una bici viola e gialla della sua taglia, sempre senza rotelle. Da dicembre a maggio non ha nemmeno mai voluto utilizzare perché “tanto non sono capace, é troppo difficile” (cit).
Conoscendo il mio pollastro, al sua insicurezza, la sua testardaggine e il suo perfezionismo non ho mai voluto insistere.

Venerdi 31 maggio.

Blop : Mamma mi prendi la bici per il giardino?
Mamma: Sicuro?
Blop : Si, mamma guarda c’é giù anche M. che la sta usando. Lui pero’ ha le rotelle.

Inutile dire che é salito sulla bici, ha fatto due tentativi ed é partito, come se non fosse la prima volta che provava e stasera faceva le gare di velocità con le bambine più grandi.
Ora non gli resta che imparare a frenare coi freni e non con i piedi.  Consigli ?

 

BlopBlop, nel frattempo, tentava di seguirlo con la balance bike ereditata dal fratello, ma quando ha capito che andava troppo piano per potergli star dietro l’ha scaraventata in mezzo al cortile e l’ha seguito di corsa, urlando “aspettami! (vai) troppo veloce!” . Mi sa che dovremo comprare la bici anche a lui.

I commenti degli altri

Blop ha un carattere tutto suo. Quand’ero piccola io, l’avrebbero chiamato un bambino “difficile” ora non so se si usa più, cosa é politically correct e cosa no.
Nella vita quotidiana questo si traduce, semplificando un po’,  in una grossa difficoltà a rispettare le regole o le domande degli adulti, soprattutto in determinate situazioni. E’ impaziente, testardo, dispettoso con suo fratello, piagnone, viene spesso definito una pila elettrica, non ammette mai che é colpa sua e piuttosto si inventa delle storie assurde. Ovviamente ha anche molti lati positivi, come la sua intelligenza e sensibilità, ma purtroppo vengono soppiantati dai “lati negativi”.
In un anno di psicomotricità è migliorato molto, ma ora con la fatica di fine anno scolastico sta nuovamente peggiorando. Nell’ultima settimana e mezza il suo comportamento mi é stato segnalato dalle maestre, dalle educatrici della mensa e del doposcuola, dall’insegnante di ginnastica e anche dalle animatrici delle attività extra-scolastiche del mercoledi mattina.
Per una mamma é difficile sentirsi dire tutti i giorni che il figlio non ha ascoltato, ha lanciato la palla oltre il cancello della scuola o i giochi sul tetto, che é stato messo seduto perché non ascoltava a ginnastica, etc etc…
A questo si aggiungo i commenti, magari non fatti con cattiveria, della gente.
Quando mia suocera e mia cognata ti dicono che é molto più semplice tenere altri bambini perché sono più calmi e ubbidienti di Blop e BlopBlop (e più grandi, bisogna dirlo) é una pugnalata al cuore.
Quando chiacchierando e scherzando di un’eventuale settimana al mare con le maestre del nido, una delle maestre dice “si, ma vogliamo solo tante Chloé e nessuno come Blop” te ridi e scherzi, ricordando che é BlopBlop, molto più calmo ed ubbidiente del fratello, a doverci andare visto che é lui che va al nido e non il fratello maggiore. In realtà, pero’, te sei li che vorresti piangere e sprofondare in un buco nero dove nessuno ti fa più di questi commenti perché te hai l’impressione di mettercela tutta, ma é difficile e stancante. E questi commenti non aiutano, MAI.

Smettila!

A metà febbraio, qui in Francia,  sono iniziate le vacanze d’inverno e ne ho approfittato per portare i bambini una settimana a Genova, visto che a Natale per vari motivi non eravamo andati.
Il programma era densissimo come sempre (visita all’Acquario con giro sulla NaveBus, sfilata di Carnevale, saluti a milioni di parenti, giri amministrativi per me che ho deciso di chiedere la nazionalità francese e mi servono milioni di documenti, la salute della bisnonna che ci fa prendere qualche spavento, eccetera…), ma mi soffermero’ solamente su una cosa: Blop ha scoperto di saper parlare in italiano. Tutto il resto é irrilevante.

Per dare un po’ di contesto: mia cugina, che abita di fronte a casa di nostra nonna, ha un figlio che ha due anni meno di Blop e uno in più di BlopBlop. Noi, essendo figlie uniche, siamo cresciute insieme, quindi ci viene naturale e ci fa molto piacere che i nostri bambini giochino e crescano insieme, nei limiti delle nostre possibilità logistiche.
Fino all’anno scorso Blop e cuginoBlop giocavano un pochino insieme, ma visto che cuginoBlop era comunque piccino riuscivano a capirsi abbastanza bene anche se Blop gli parlava in francese (ricordiamo che lui capisce perfettamente l’italiano). Quest’anno cuginoBlop ha da subito mostrato qualche fastidio nel non capire cosa gli stesse dicendo il cugino grande e Blop voleva farsi capire per dargli gli ordini .
La prima volta che Blop mi ha chiesto di parlare la posto suo, per dire al cugino di smetterla di cantare, gli ho risposto che poteva benissimo dirglielo lui di smetterla. Onestamente non credevo l’avrebbe fatto davvero, invece si é avvicinato e gli ha detto con tono perentorio “smettila!” e lui ha smesso.
Da quel momento Blop si é reso conto che sapeva parlare in italiano. Ora non é che dall’oggi al domani si é trasformato in un novello Manzoni, ma considero comunque un progresso passare dal saper contare da uno a quattordici e basta al fare mini frasi di tre parole in un’ora, anche se ci sarà da lavorare sulla grammatica.
Per amore di precisione, Blop ha comunque parlato più in francese che in italiano, ma non appena vedeva che qualcuno non capiva glielo ripeteva in italiano, non solamente col cuginetto, con la bisnonna, coi miei zii, ma anche con me. E a una settimana dal nostro ritorno a Lione posso affermare che continua a usare parole in italiano anche con me e più ne usa e più continua ad usarne, tanto che ovviamente viene più facile anche a me usare l’italiano e sempre più spesso mio rivolgo nella mia al povero marito. Sto quasi pensando di parlargli sempre cosi, tanto lui (maledetto uomo portato per le lingue) mi capisce bene. 

Credevo che questo momento non sarebbe mai arrivato, invece pian pianino i miei sforzi stanno cominciando a pagare.

3 anni di BlopBlop

Il 25 gennaio hai compiuto 3 anni. Non sei più un bébé, come ama chiamarti tuo fratello, ma non sei nemmeno un bimbo grande ,”io piccolo” dici a tutti, e questa tua voglia di rimanere il piccolo di casa si nota nella passione per la tua Lili (il ciuccio) e il tuo rifiuto di usare il vasino (“inizio domani” dove per te domani é un futuro molto molto imprecisato e sicuramente lontano).

A 3 anni vai ancora al nido, ma ogni mattina é sempre più difficile separarti da tuo fratello che va alla materna perché vorresti andarci anche te.

A 3 anni parli un sacco, anche se non sempre ti si capisce e spesso tendiamo a indovinare. La tua nuova risposta preferita é “pas envie” (non ne ho voglia) corredata da braccia conserte e testa in giù.

A 3 anni hai una voce potentissima e quando urli o vuoi farti sentire se ne accorge tutto il vicinato.

A 3 anni sai contare fino a 3, sai riconoscere i numeri scritti e sai che 1 più 1 è uguale a due, grazie agli allenamenti intensivi di Blop. Conosci tutti i colori e sai riconoscere la destra dalla sinistra.

A 3 anni adori giocare con la cucina giocattolo e fingere di prepararmi il caffé, ti piacciono le “Brum Brum Cars”, i robots e giocare a carte.

A 3 anni sai come difenderti, passi il tempo a litigare furiosamente con tuo fratello e, se lui continua ad infastidirti, lo mordi e/o lo picchi. Ieri ti ho fermato in tempo mentre tentavi di scaraventagli il ponte di legno del trenino in testa. Pero’ vi adorate eh, anche se non sembrerebbe.

A 3 anni sei un vero coccolone e mi riempi di bacini bavosi, ma ti diverti anche ad andare in giro cantando “cacca cacca cacca”.

A 3 anni dici “mementine” per clementina, confondi un po’ la P con la B, chiami tutti i gatti Muffin.

A 3 anni sai vestirti (quasi) da solo: metti e togli i calzini, la giacca, il pannolino, i pantaloni. Hai ancora qualche difficoltà con la maglia e le scarpe, ma sono sicura che a breve saprai metterti tutto.

A 3 ani ti gratti ancora l’ombelico per addormentarti e mi fai troppo ridere, sperando che prima o poi non si buchi.

A 3 anni sei il mio piccolo grande amore e se già il tempo mi era sembrato passare in fretta per Blop, per te davvero non so come sia successo che ieri eri minuscolo tra le mie braccia  e adesso sei praticamente indipendente.