Ci rivediamo tra un anno

Oggi BlopBlop aveva la visita di controllo all’ospedale dei  cinque mesi post operatori.
Come ogni volta, nonostante la sua testolina si arrotondi sempre di più, vado con un po’ d’ansia, temendo qualche brutta notizia (per fortuna so che non sono sola e posso condividere le mie ansie con molto altri genitori).
Dopo aver preso le misure della testa di BlopBlop e fatto strani calcoli mentali, dopo averci chiesto se lamentava mal di testa e aver osservato il suo comportamento, ha concluso che va tutto bene e ci possiamo rivedere tra un anno.
Ci sono due frasi importanti: nessun ritardo psicomotorio e risultato funzionale ed estetico molto soddisfacente. Mi bastano queste.
Ci ha avvertito che, in rari casi, i punti e le viti non si riassorbono nell’osso da soli, ma bisogna togliergli con un intervento in anestesia locale, ma per adesso provo a non pensarci e a godermi i primi passi di BlopBlop al nido.

Annunci

La speranza sono i nostri figli

Oramai sono anni che non scrivo più niente di “politico”, “impegnato” o solo leggermente riflessivo. La maternità deve avermi mangiato gli ultimi neuroni rimasti. O forse e’ stata la stanchezza.
Non e’ che non mi interessi mai a cosa succede nel mondo, piango sentendo meta’ delle notizie del telegiornale , mi incavolo e mi indigno. Canto ai miei figli canzoni engagees per farli addormentare, sono di Genova e sono cresciuta a pane e De Andre, per dire.

Comunque, tutto questo sproloquio per dire che quando vedo Blop (italo-francese con un po’ di sangue inglese) giocare con M. (italo-egiziana) e Z. (coreano-tedesca), le sue amiche del cuore, mi viene da pensare che c’e’ ancora speranza per il futuro.
Che senso mai potranno avere delle frontiere per questi bambini dai mix più improbabili?