6 mesi

A 6 mesi, BlopBlop adora fare coccole alla mamma e sorridere al fratellone.

A 6 mesi, BlopBlop rotola di qua e di là come una pallina, passando dalla schiena alla pancia e dalla pancia alla schiena con una certa facilità.

A 6 mesi, BlopBlop adora giocare coi suoi giochini e afferrare tutto quello che gli capita tra le mani: pezzetti di carta, occhiali ed orecchini, telefoni, capelli… I suoi giochi preferiti? La giostrina da passeggino, piena di attività varie ed eventuali, i suoi doudou e Sophie la giraffa.

A 6 mesi, BlopBlop guarda pieno di ammirazione Blop, anche se a volte lo fa un po’ piangere.

A 6 mesi, BlopBlop ha una bella vocina squillante dai toni variabili e ci delizia con i suoi “aaah”, “areuh”, “agheu”, senza avere nessuna voglia di passare all’utilizzo delle consonanti.

A 6 mesi, BlopBlop è un vero golosone e se non lo limitassimo si mangerebbe anche il piatto.

A 6 mesi, BlopBlop adora guardare la gatta e tirarle il pelo accarezzarla teneramente e lei ha l’aria di aprezzarlo piu’ di quanto non apprezzasse Blop, forse perché è un po’ più calmo?

16 mesi

78cm.
10kg100.
2 denti, ma il terzo non è lontano.

Tanto amore.
Tanta, tantissima energia.
E un bel caratterino.

Adori andare al nido e giocare coi grandi.
Sei un chiacchierone anche se non si capisce niente di quello che racconti.
Quando vuoi, capisci tutto quello che ti si chiede, in italiano E in francese.
Cominci ad interessarti ai pennarelli anche per disegnare e non solamente per mangiarli.
Ti piace giocare con la palla e andare in giro sulla macchinina rossa facendo ‘vroom vroom‘.
Quando arrivi al nido, i tuoi tre amichetti ti chiamano per nome e aspettano che tu inventi qualche scemenza per poi copiarti.
Ti piace andare sullo scivolo e arrampicarti sul divano.
Quando qualcosa ti emoziona dici ‘ouaaaa‘ e se qualcosa ti cade ‘oh oh‘, con la tua vocina adorabile.
Hai imparato a lanciare i bacini con la mano e ti applaudi da solo se sei soddisfatto di quello che hai fatto.

Muffin adora giocare con te, tu la cerchi sempre più spesso e io adoro guardavi interagire insieme.
Sei una peste, ma anche un coccolone.

Buon mesiversario, cucciolo mio.

La fine delle vacanze

Eccoci di ritorno in quel di Lione.
In realtà, io e Blop saremmo rientrati domenica pomeriggio, ma lunedì mattina mi è venuta la febbre a 38 così sono rimasta un po catatonica sul divano mentre il maritino (e la nonna paterna) si occupava della belva. Anzi, delle belve. Non dimentichiamoci di Muffin.

A inizio agosto andremo una settimana in Auvergne da mia suocera, ma possiamo già dire che le “vacanze” sono oramai terminate e ora possiamo goderci il caldo lionese.
Il viaggio di nozze è andato benissimo e, appena possibile, cercherò’ di raccontare com’è stato. Cosa è andato bene, cosa è andato male, cosa rifaremmo e cosa cambieremmo. In ogni caso, Blop è un viaggiatore provetto e nei dieci giorni del viaggio ha fatto tantissimi progressi, tra cui imparare a gattonare! Oramai insegue Muffin per tutta la casa dicendole “Ma ma ma”, ma non si riesce a capire se lei ne sia contenta oppure no.
Ha anche deciso che vorrebbe mangiare come noi, il che ha reso i nostri pranzi al ristorante un po’ una tragedia, ma grazie al santo pane siamo riusciti a venirne a capo in qualche modo.
Ovviamente dei denti nemmeno l’ombra, ma sul mio libro della nascita c’è segnato che il primo l’ho messo a un anno e dieci giorni, quindi penso che Blop voglia seguire le mie orme.
A Genova, invece, l’abbiamo portato al mare un’ora al giorno per tre giorni (essendo, mia madre ed io, incapaci di svegliarci prestissimo non arrivavamo mai prima delle 9)e, se il primo giorno non aveva l’aria convinta e cercava di tenere i piedini lontano dall’acqua, al terzo giorno si è praticamente lanciato in acqua e ha voluto “nuotare” come quando andiamo in piscina.

La gatta e il bambino

Domani Muffin parte con mia madre per Genova.
No, non in via definitiva, ma solamente fino a metà luglio, mentre noi saremo in Scozia e Galles. Quest’anno tentiamo le prime vacanze col marmocchio e non me la sento di lasciare la belva alle vicine, nonostante siano amanti dei gatti. Molto meglio un bel soggiorno al mare, già ce la vedo con gli occhiali da sole e la folta pelliccia ad abbronzarsi. (ehm….)

Stupidaggini a parte, i due cuccioli di casa cominciano ad interagire sempre di più, soprattutto dal giorno in cui Blop si è lasciato leccare le dita e la guancia piene di formaggino, mostrando a Muffin che anche lui poteva essere di una qualche utilità! Il suo nuovo posto preferito, cosa ve lo dico a fare, è la tavoletta del seggiolone.
Blop oramai, quando la vede, la chiama o cerca di chiamarla, ma lei non ha ancora capito che il suo nuovo nome è “AAA”. Strano, eh?
Altrimenti hanno trovato alcune attività da fare insieme: Muffin sta sdraiata in mezzo ai giochi e si lascia mettere cubi sulla testa o la schiena, mi domando se un giorno si lascerà costruire un’intera torre addosso o se un solo cubo  è sufficiente.
Altre volte, invece, Blop le lancia la sua pallina, ma senza molta convinzione, così lei, invece che inseguirla, si limita ad osservarla rotolare di qua e di là sul nostro pavimento piattissimo.
Infine, seduti vicini vicini, lui le passa i suoi giocattoli (cubi, peluche, palline) dicendole “TE” (tieni? tiens? preparami del té, schiava?), ma lei ancora non sembra aver imparato ad usare le zampe per afferrarli e Blop la guarda un pò perplesso, come se fosse imbranata.
Ora le sta facendo un discorso lunghissimo ed incomprensibile, avanzando verso di lei minaccioso, brandendo un calzino, mentre lei lo osserva con una certa perplessità.
Chissà come sarà al ritorno dalle vacanze. Saranno contenti di ritrovarsi? Se ne fregheranno? Muffin chiederà un trasferimento definitivo dalla nonna?

8 mesi

Salve sono Blop,

ieri ho festeggiato 8 mesi con un bellissimo raffreddore e una notte quasi insonne per mamma e papà. Meno male che c’era mamie che si è occupata di me la mattina così loro hanno potuto dormire un pò.

Negli ultimi giorni, oltre ad aver cominciato l’inserimento al nido, ho imparato a strisciare come un soldatino e oramai non c’è angolo della casa che mi sia precluso! O meglio, sarebbe così se la mamma non mi seguisse ovunque per impedirmi, che so, di mettere una mano nella ciotola dell’acqua di Muffin e con l’altra toccare una presa della corrente…O tentare di scalare il muro del soggiorno appeso ai cavi dell’IMac di papà, tanto per fare due esempi a caso.

Dormo sempre tanto la notte, ma oramai non resto più immobile sulla schiena come se fossi svenuto, ma nonostante il sacconanna faccio tante giravolte e la mamma, la mattina, mi ritrova nelle posizioni più impensabili.

La mamma mi guarda sempre in bocca per vedere se per caso non mi fosse spuntato qualche dentino, ma no! Non ne ho ancora, anche se le gengive mi danno fastidio e sbavo come una lumaca. Adesso che so spostarmi autonomamente posso raggiungere il tavolino in vetro e morderlo.

WP_20140404_005

 

Sono cresciuto a tradimento e da un giorno all’altro i pantaloni taglia 6 mesi non mi vanno più, anche se la mamma continua a metterli optando per lo stile ‘acqua in casa’ che pare non passi mai di moda…

Finalmente Muffin si è arresa alla mia presenza in questa casa ed è diventata la mia migliore amica. Non appena la vedo mi eccito e comincio ad agitare braccia e gambe, lanciando un gridolino tutto particolare e ora lei, incurante del pericolo, si rannicchia accanto a me e si lascia tirare il pelo. Non a lungo, però! Preferisce insegnarmi come fare i dispetti. Ora, per esempio, mi ha mostrato come smontare il tappeto-puzzle e ci divertiamo a farlo insieme!

Che altro? Il linguaggio non mi interessa troppo, ma d’altronde qui ognuno parla in una lingua diversa quindi perchè io non dovrei usare la mia? Tanto mi capiscono lo stesso.